TuttoTv.info | tutte le info sulla tv

L’Isola, da domenica 2 dicembre su Rai1

Con L’Isola, un “film in 12 puntate” di Alberto Negrin, su Rai 1 si apre un nuovo capitolo si apre dedicato alla Guardia Costiera. L’autore e regista di alcune delle fiction di maggior successo degli ultimi dieci anni – da Perlasca. Un eroe italiano al Cuore nel pozzo, da Gino Bartali a Mi ricordo Anna Frank, a Paolo Borsellino. I 57 giorni, solo per citare qualche titolo – si cimenta ora in una lunga serie fantaecologica, incentrata sulle vicende in mare e sul lavoro della Guardia Costiera dell’Isola d’Elba, impegnata nelle indagini su alcune misteriose attività che turbano la tranquillità dell’arcipelago toscano e tutto l’ecosistema circostante. 1200 minuti in 12 serate tutte compiute in sé, cariche di action e di tensione, ma anche di amore per la natura e per la propria terra, in onda da domenica 2 e lunedì 3 dicembre in prima serata. 


Scopri i personaggi della fiction, leggi qui>>

Voluta inizialmente come ideale prosecuzione di Gente di Mare, che con le due edizioni precedenti aveva portato sul piccolo schermo la vita, il lavoro e la passione per il mare degli uomini e le donne delle Capitanerie di porto italiane, la serie è stata completamente ripensata da Negrin insieme con gli altri autori Leonardo Fasoli, Maddalena Ravagli e Massimo Bavastro, fino a risultare un progetto del tutto nuovo nella struttura narrativa, nel cast, nelle location e nelle tematiche che vedono nella tutela e nella difesa ambientale un punto di forza della serie.

Una potente multinazionale straniera riesce, per prima, ad estrarre idrati di metano dalle profondità marine. Il mondo dei combustibili potrebbe subire una radicale rivoluzione. Purtroppo, però, l’estrazione provoca gravissimi danni all’ambiente, bisogna fermarla. Uomini senza scrupoli faranno di tutto per continuare nell’impresa. Contro di loro combatteranno quattro coraggiosi ragazzi, tra cui la giovane capitano della Guardia Costiera, nativa dell’isola, e un biologo marino, pronti a tutto pur di proteggere le nostre coste e il nostro territorio. L’attrice spagnola Blanca Romero veste i panni del tenente di vascello Tara Riva, comandante di Circomare Portoferraio. Marco Foschi è suo marito Luca Bottai, un ricercatore impegnato nell’estrazione, dai fondali marini, di acqua potabile e gas uniti in una sola molecola, l’idrato di metano. Scomparso in seguito ad una tremenda esplosione nelle acque della Tunisia e creduto morto, l’uomo è in realtà l’unico sopravvissuto a quella catastrofe ambientale, ma ha perduto la memoria. Simone Montedoro nel ruolo di Adriano Liberato, un latitante accusato ingiustamente di un delitto, permetterà alla comandante della Guardia Costiera di condurre un’indagine personale sugli strani accadimenti che stanno minacciando l’isola d’Elba.


I destini di Tara, Adriano e Luca si troveranno al centro di un gigantesco intrigo di interessi e brame di potere. Con loro, Elena Sollima, interpretata da Alexandra Dinu, una giovane e talentuosa hacker dall’oscuro passato. Andrea Giordana è il capo della multinazionale Energysealine, ricco magnate che persegue con lucida spietatezza un arduo progetto scientifico. Nel cast, inoltre, Marcello Mazzarella (Nikolai Kozak) e la partecipazione di Massimo Wertmuller (l’Ammiraglio De Riso) e di Isa Barzizza (Nonna Matilde). Tutte autentiche le location de L’Isola. Le riprese sono state effettuate tra la Tunisia e l’isola d’Elba, in particolare nelle località di Marciana Marina, Torre della Linguella, nel centro storico di Portoferraio, Capoliveri e anche sulle isole di Pianosa, Capraia, Gorgona e Montecristo, nel bel mezzo del cosiddetto Santuario dei Cetacei. Di particolare rilievo l’apporto dato all’intera serie dalle musiche, composte, orchestrate e dirette dal Maestro Ennio Morricone.

LA STORIA

Tara Riva (Blanca Romero), una giovane coraggiosa, è il comandante della Guardia Costiera dell’isola d’Elba. Tara è nata in questo arcipelago, lo ama quanto la sua vita. Ha scelto il lavoro che fa per difendere il mare e le coste, che sono una delle nostre maggiori ricchezze.
Il mare e le coste sono il centro della storia. Proprio in questo mare sta per accadere qualcosa di segreto e di molto pericoloso.

All’indomani del suo matrimonio con Luca Bottai (Marco Foschi), un talentuoso ricercatore che si occupa di energie alternative, Tara Riva coordina le operazioni di soccorso in seguito all’inspiegabile ammaraggio di un aereo nel mare dell’Elba. Viene in contatto con una superstite, una giovane biologa marina che ha urgenza di parlare con Luca, appena partito per la Tunisia.

Luca Bottai lavora su una nave piattaforma e sta sperimentando per conto della multinazionale Energysealine, una nuova tecnologia per l’estrazione dai fondali marini degli idrati di metano, una fonte energetica di inestimabile valore che racchiude al suo interno incalcolabili quantità di acqua purissima.

Prima di consegnare a Tara dei documenti scottanti sulle attività intraprese dal marito in Tunisia, la giovane biologa viene assassinata. Altra superstite del disastro aereo che perde la vita subito dopo è Ginestra, una signora di mezz’età che affida a Tara il suo ultimo messaggio per il figlio, Adriano Liberato (Simone Montedoro).

L’uomo vive in incognito perché ha avuto problemi con la legge e si è rifugiato in una casa di legno su una delle spiagge più selvagge dell’Elba. Tara riesce a rintracciarlo ma il loro incontro si conclude in modo estremamente duro. In Tunisia, una banda armata fa irruzione sulla nave di Luca, facendola saltare in aria.

Addolorata e sconvolta, Tara si reca in Tunisia per indagare sulle ragioni del tragico evento, ma capisce che la Energysealine vuole propinarle una verità di comodo. Sopraffatta dal dolore, si inoltra nel deserto durante una tempesta di sabbia, cui riesce a sopravvivere: adesso la sua unica missione è scoprire la verità sulla morte di Luca.

Inizia a sospettare che l’esplosione della piattaforma e il disastro aereo siano collegati, e che la chiave per risalire al loro significato siano proprio gli studi della biologa che è stata uccisa. Perciò Tara si reca nel laboratorio della biologa alla ricerca di elementi che confermino quest’ipotesi.

Qui rincontra Adriano Liberato, che intanto ha intrapreso un’indagine clandestina per fare luce sullo sfortunato volo in cui ha perso la vita sua madre, quella stessa madre che l’aveva abbandonato da piccolo e che finalmente lo aveva cercato per chiedergli perdono e per riabbracciarlo.

Dai documenti ritrovati nel laboratorio, Tara e Adriano apprendono che la biologa aveva riscontrato comportamenti anomali nelle balene. Non è un caso, quindi, se nel mare dell’Elba le balene stanno perdendo la rotta e una di queste arriva ad attaccare una barca.
Su quella barca c’è Vedrana, la giovanissima figlia di Leopold Amery (Andrea Giordana), ricco magnate e dirigente della Energysealine.


Leopold si è trasferito da poco all’isola d’Elba con sua figlia, a cui ha regalato una sontuosa villa. Vedrana ha stretto un’amicizia speciale con due giovani elbani, i fratelli Marcello e Sebastiano. In una bellissima giornata di sole, Vedrana esce in mare con loro quando la barca viene inspiegabilmente strattonata da una balena. Vedrana finisce in mare dopo aver battuto la testa, Marcello si tuffa per salvarla, mentre la barca va alla deriva con a bordo Sebastiano.

Nella stessa giornata, un sommergibile della Energysealine invisibile ai radar intraprende le estrazioni degli idrati di metano. Nel corso delle perforazioni, il sommergibile trancia inavvertitamente un cavo sommerso, provocando un blackout in tutta l’isola.

Con l’aiuto dei suoi guardacoste, Tara mette in salvo Vedrana e i due amici della ragazza, e Leopold Amery le giura eterna gratitudine. Intanto la Energysealine ripara in gran segreto il cavo tranciato e l’emergenza blackout rientra misteriosamente.

Ma troppi eventi drammatici hanno ormai sconvolto la vita di Tara e altrettanti fenomeni allarmanti stanno turbando l’isola d’Elba. Perciò Tara prosegue la sua rischiosa indagine con l’aiuto di Adriano, che le offre collaborazione a patto di non coinvolgere le autorità.

Tara è un ufficiale e non potrebbe permettersi di indagare al fianco di un latitante, accusato ingiustamente di un delitto, seppure il profondo dolore di una perdita (lei del marito, lui della madre) li unisce intimamente e li fa ritrovare in contatto.

La loro sfida è la stessa che dovremo affrontare tutti nei prossimi anni: è la sfida ecologica. “Siamo parte di questa terra, la nostra sopravvivenza è legata all’equilibrio del pianeta e della sua straordinaria e ricchissima natura”. Questo scrive un misterioso blogger nella rete, si firma Tarek ed è molto seguito. Il popolo di internet legge i suoi avvertimenti con grande attenzione e partecipazione. Anche Tara ne scopre l’esistenza. Sulle sue tracce c’è una geniale e spregiudicata hacker, Quadrophenia, che nel privato si chiama Elena Sollima (Alexandra Dinu) e si porta dentro un enorme vuoto affettivo legato al suo difficile passato. Elena è stata assoldata dagli uomini di Leopold Amery, che cercano Tarek per farlo tacere, perché quello che dice li disturba.

Tara comincia a immaginare che esistano delle connessioni tra i comportamenti delle balene, il misterioso blogger e l’esplosione della nave piattaforma. Delle connessioni così profonde da arrivare al cuore. Là dove Tara ha una ferita. Il suo giovane sposo è scomparso in un mare lontano, lo stesso mare da dove ora arrivano dei segnali profetici che parlano delle balene.

Nessuno sa ancora che il misterioso blogger scrive dalla Tunisia ed è proprio Luca, creduto morto e invece sopravvissuto all’esplosione della piattaforma. Ma Luca ha perso la memoria e non ricorda nemmeno il suo nome. Non ricorda nulla di Tara. Esiste un filo che collega la scomparsa di Luca con il comportamento delle balene, che si spiaggiano e impazziscono nel mare dell’arcipelago toscano come in Tunisia, da dove Luca scrive.

Quel filo è il terribile sentimento dell’avidità umana. C’è qualcuno che pensa di arricchirsi e di passare alla storia grazie agli idrati di metano, qualcuno deciso ad estrarli da sotto al mare anche se questo comporta dei rischi. C’è qualcuno che, accecato dall’idea smodata del progresso, sta sottovalutando quei rischi e quei pericoli.

Leopold Amery è un uomo dalle molte facce, da un lato spietato nel perseguire la sua impresa scientifica e dall’altro amorevole e fragile nei confronti di quella figlia che lo fa emozionare, di quell’unico affetto che si è guadagnato nella vita, ma al quale ha nascosto atroci verità. I destini di Tara, Adriano, Elena e Luca si troveranno al centro di un gigantesco intrigo di passioni e brame di potere.

Tara e Adriano condurranno la loro avventurosa indagine e tra loro nascerà una forte attrazione, un sentimento reciproco a cui non sapranno resistere. La ricomparsa di Luca all’Elba, che sta cominciando a recuperare la memoria, sconvolgerà nuovamente l’esistenza di Tara. Ma anche quella di Adriano. Intanto sotto al mare la terra sta tremando.

Nei fondali marini la Energysealine continua ad estrarre gli idrati, finendo per sgretolare la malta che tiene unite intere porzioni di sottosuolo marino. Le estrazioni arriveranno a provocare un grave pericolo ambientale su tutto l’arcipelago. L’isola è in pericolo. Domani potrebbe esserlo il resto del pianeta.

Tara Riva lo ha capito e non vuole arrendersi per nessuna ragione. Lei è lì, come quando, bambina, saliva con suo padre nella parte più alta della scogliera. Tara guarda il mare, la linea dell’orizzonte, là dove la terra e il cielo si uniscono, sa quanto vale l’isola in cui è nata, è disposta a tutto pur di difenderla…


TRAMA E ANTICIPAZIONI PRIMA PUNTATA, 2 DICEMBRE 2012

Tara Riva, primo comandante donna della Guardia costiera, si sposa con Luca Bottai, geologo marino, capo progetto per una multinazionale specializzata in ricerche sullo sfruttamento di fonti energetiche alternative. Stanno per partire per la Tunisia, dove Luca è ormai vicino alla conclusione dei suoi studi, ma un attentato aereo trattiene Tara all’Elba. Il vero obiettivo è Arianna Ferri, anch’essa ricercatrice, che aveva tentato di avvertire Luca sui danni provocati proprio dai suoi esperimenti. L’attentato è orchestrato dalla Energysealine di Leopold Amery, la stessa compagnia per cui lavora Luca, disposta a tutto per assicurarsi questa nuova tecnologia. Nel disastro aereo rimane vittima anche la madre di Adriano Liberato, un latitante ricercato per un omicidio che non ha commesso, che decide di indagare sulle cause di quello che sembra solo uno sfortunato incidente. Nel frattempo Amery viene a conoscenza degli effetti collaterali dei loro esperimenti, e decide di far saltare in aria la piattaforma di ricerche in Tunisia dove si trova tutta l’equipe della Energysealine, compreso Luca. Tara, sconvolta dal tragico accadimento, decide di recarsi in Tunisia per scoprire la verità. Conosce l’avvocato Rami Soliman, zio di una delle vittime, che la aiuta nelle ricerche.

(fonte UfficioStampa.Rai.it)

Rispondi

NEWS

ANTICIPAZIONI E TRAME

email: info@tuttotv.info

SOCIAL

TuttoTv.info Canale 5 Fanpage Una Vita Bitter Sweet

BLOG SEGNALATO DA:

Categorie

ARCHIVIO

dicembre: 2012
L M M G V S D
« nov   gen »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Favicon Plugin made by Cheap Web Hosting