TuttoTv.info | tutte le info sulla tv

dietro le telecamere|FATMA RUFFINI, LA SIGNORA DELL'INTRATTENIMENTO MEDIASET

Questa è la prima di una serie di monografie su chi fa la televisione ma da dietro le quinte, dietro le telecamere appunto. Parleremo delle menti che hanno creato e continuano a plasmare la televisione italiana o comunque pezzi importanti di essa. Lo spunto ci viene da una intervista a Fatma Ruffini pubblicata oggi su La Stampa. La Ruffini è la storica Lady di Ferro di Fininvest prima e di Mediaset poi, ha lavorato a stretto contatto con Silvio Berlusconi, creando programmi e palinsesti fin dall’inizio dell’avventura del Cavaliere.

Fatma nasce a Bologna nel 1943. Dopo la laurea in Storia dell’arte ha curato le pubbliche relazioni della casa discografica Ricordi. Nel 1978 entra nel campo delle televisioni commerciali: prima come autrice dello spettacolo Scatola musicale, prodotto per la televisione svizzera, poi altre trasmissioni musicali per Antenna Nord e Antenna 3. Nel 1981 ha cominciato a lavorare per Canale 5 dove impressiona subito positivamente Silvio Berlusconi che la vuole nella sua squadra. Da allora un successo dietro l’altro: ha cominciato a produrre programmi a bassi costi comprando i diritti trasmissioni statunitensi adattandoli al gusto italiano. Successivamente la Ruffini si è dedicata anche alla produzione di sit-com.

Tra le tante trasmissioni da lei prodotte ricordiamo: Buongiorno Italia, primo programma tv del mattino, Bis, Ok il prezzo è giusto, Il gioco delle coppie, Tra moglie e marito, C’eravamo tanto amati, La ruota della fortuna, Lui lei l’altro, Karaoke, Scherzi a parte, Stranamore, Generazione X, Il grande bluff, Una goccia nel mare, Il mammo, Cosi fan Tutte, Buona la prima, Love Bugs, Camera Café, Casa Vianello, Belli dentro, Il Supermercato.

Adesso Fatma Ruffini è direttore format, programmi e sit-com della Rti-Mediaset e attualmente è alle prese con nuove fiction e con la preparazione della nuova edizione di Scherzi a parte.

Nell’intervista a Alessandra Comazzi de La Stampa parla di se stessa e del rapporto con Berlusconi:

Ho un brutto carattere. Lo dicono tutti e alla fine ci credo anch’io. Il mio lavoro mi piace, mi appassiona, mi dà dipendenza. In vacanza dopo un po’ mi annoio. I primi anni sono stati esaltanti. Andavamo avanti a lavorare fin nel cuore della notte. Lì ti deve sostenere pure la salute.

A proposito di Silvio Berlusconi dice:

Dall’81 al ’93 si dedicava in modo assoluto alle televisioni. Erano gli esordi della tivù commerciale, bisognava inventare tutto, il linguaggio, il mercato, gli artisti e anche gli spettatori. È stata una gran bella esperienza.

E di Piersilvio:

Posto che mi dicono che io ho la “B” stampata in fronte, dichiaro e non per piaggeria: si lavora bene con lui. È persona aperta, pronta a rendere l’azienda ancora più solida e internazionale

Fatma Ruffini nega che ci siano raccomandazioni e condizionamenti politici a Mediaset:

La tivù commerciale deve fare ascolto, perché vive di pubblicità. Non possiamo permetterci passi falsi. Se arriva un raccomandato, lasciamo che dimostri quel che sa fare. Però poi scegliamo in base alle capacità. Non ci sono consentiti conduttori sbagliati, comici sbagliati. Se sbagliamo, è perché sbagliamo e può capitare, non perché abbiamo messo un raccomandato.

Non siamo coinvolti dalla politica

E sulla televisione dice:

Il digitale è una rivoluzione, ci aiuterà a sperimentare. Anche su Italia 1 si può fare. Su Canale 5 meno. E comunque ci sono programmi che il pubblico non vuole. Come quelli senza studio. In Italia non funzionano.Io viaggio per il mondo e vedo tante tivù alla ricerca di format, non è che in giro si presentino tutte queste idee inedite.

Per quanto riguarda le sue future produzioni:

La seconda serie di Così fan tutte con Alessia Marcuzzi e Debora Villa, dedicata alle donne che guardano con ironia ai loro difetti. Poi c’è All Stars, otto amici ultracinquantenni, anche un po’ sovrappeso, Abatantuono, De Luigi, Storti, Hendel, Alberti, Sampaoli, Impastato, Foti, Cornacchione, più Ambra Angiolini, che sognano la loro gioventù giocando a calcio. Ma la vita li angustia anche lì. Andrà in onda a settembre, su Italia 1, otto puntate da 25 minuti, una bella sfida alla prolissità. Poi stiamo preparando una trasmissione sui matrimoni per Rete 4, e un’altra sit com con Ale & Franz. Più la nuova edizione di Scherzi a parte

Share

Rispondi

NEWS

email: info@tuttotv.info

SOCIAL

TuttoTv.info Canale 5 Fanpage Una Vita Bitter Sweet

BLOG SEGNALATO DA:

Categorie

ARCHIVIO

luglio: 2010
L M M G V S D
« giu   ago »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Favicon Plugin made by Cheap Web Hosting