TuttoTv.info | tutte le info sulla tv

L’Onore e il Rispetto, piace al pubblico ma viene snobbato dai radical-chic

L’Onore e il Rispetto – Parte Terza è stato il più significativo successo di Canale 5 in queste prime settimane della nuova stagione autunnale. 


In attesa del gran finale di domani sera vediamo come sono andati gli ascolti nelle prime 5 puntate:

  • Puntata 1: 4.999.000 spettatori, share 20.71%
  • Puntata 2: 5.710.000 spettatori, share 24.46%
  • Puntata 3: 5.640.000 spettatori, share 22.41%
  • Puntata 4: 5.883.000 spettatori, share 21.28%
  • Puntata 5: 6.051.000 spettatori, share 22.48%

La Ares Film di Alberto Tarallo è riuscita – ancora una volta – a realizzare un prodotto che ha coinvolto il pubblico. I prodotti della Ares Film sono sempre molto riconoscibili: una serie di attori e attrici che riescono ad entrare nell’immaginario popolare come i grandi divi del passato (Gabriel Garko, Manuela Arcuri, Francesco Testi, Sabrina Ferilli); una serie di personaggi tenebrosi, spesso belli e cattivi che – come in un dramma di altri tempi – fanno innamorare le eroine di turno; le storie sono un mix di amore e passione, cattiveria e vendetta.

Sono elementi che vanno a colpire il pubblico e risultano attraenti per il pubblico nazional-popolare della tv generalista.

Molti critici, con un accento negativo, hanno definito L’Onore e il Rispetto (ma anche Il Peccato e la Vergogna andato in onda lo scorso anno) come un feuilletton (gli ottocenteschi romanzi rosa d’appendice), come un melodramma, un melò. Può darsi, ma quello che conta è che questo tipo di storie, nate dalla mente di Teodosio Losito, funzionano eccome.

Il soggetto della serie è buono e avvincente. Magari un po’ più banali possono apparire i dialoghi, spesso interpretati da attori non eccellenti (o forse solo colpevoli di non essere impegnati nel cinema impegnato italiano…).

In questa serie però bisogna sfatare un luogo comune: è l’ora di finirla con la solita storia che “Gabriel Garko non sa recitare”. L’attore è cresciuto, non è più il “bello che non balla” dei tempi de Il Bello delle Donne. Garko riesce ad interpretare gli anti-eroi con estrema forza.


Ne L’Onore e il Rispetto-Parte Terza c’è poi la sublime new entry di Giuliana De Sio (lei sì attrice impegnata ma che da anni non snobba il lavoro televisivo in particolar modo con la Ares Film). Giuliana De Sio è sicuramente l’attrice migliore che prende parte alla serie, interpreta con intensità la rozza e vendicativa Tripolina: è una prostituta, una madre-padrona che non esita a tagliare teste a chi ha stuprato e ucciso la figlia, ragazza istruita che rappresenta la sua rivalsa sociale e la sua unica speranza di una vita migliore.

Detto questo, passiamo a delle riflessioni più generali: L’Onore e il Rispetto piace al pubblico ed è snobbata da una certa classe radical-chic. Ma invece di snobbare la fiction, forse sarebbe più opportuno capire il perché di tanto successo. Ha provato a ricordarlo Massimo Bernardini, qualche giorno fa su Pubblico. Secondo Bernardini il successo de L’Onore e il Rispetto:

rappresenta ancora una volta la rivincita del pubblico popolare, che orgogliosamente ha fatto in gran parte solo le elementari o le medie ma che sta in buona parte tra i 15 e i 34 anni ed è prevalentemente di sesso femminile. Di ricchi e laureati come voi, cari radical-chic della terza età, fra loro ce n’è ben pochi.

I radical chic italiani, insomma, sembrano snobbare i prodotti che piacciono alla “pancia” del paese. Ma così facendo rischiano di non capirlo mai questo paese… Forse sarebbe opportuno che scendessero dal piedistallo e che provassero a capire, a comprendere, piuttosto che crogiolarsi nei loro pregiudizi e nella loro presunta superiorità morale!

SCOPRI COME RIVEDERE TUTTE LE PUNTATE, CLICCA QUI>>

3 commenti

  1. 2 ottobre 2012    

    BELLO COME AL SOLITO,MA PENSO CHE QUEST’ANNO CI SONO STATE TROPPE MAZZATINE E IMMAGINI TROPPO CRUDE,DOVREBBE ESSERE UNA SERIE DA VEDERE IN FAMIGLIA,INVECE LA MIA PICCOLINA AVEVA PAURA DI VEDERLO………CMQ BRAVI TUTTI GLI ATTORI

  2. fede fede
    4 ottobre 2012    

    Non capisco proprio come questa serie sia riuscita ad avere tanto successo!solo perchè c’è gabriel garko??e tutto il resto non si guarda??la maggior parte degli attori,il primo gabriel garko, non sanno assolutamente recitare in siciliano!è una tortura sentirli parlare!ho visto qualche puntata non per scelta ma perchè purtroppo non avevo il dominio del telecomando!inoltre ritengo la serie offensiva per i siciliani…la sicilia non è così…non tutti i siciliani sono mafiosi o coprono la mafia…vedere un commissario siciliano corrotto e poi lasciare la parte del paladino della giustizia ad uno del nord lancia un’immagine sbagliata…tantissimi siciliani si sono battuti per la mafia e continuano a farlo a rischio della propria vita!ci siamo dimenticati di falcone e borsellino??e nn solo…la cosa ke mi rattrista maggiormente è vedere come i miei compaesani siano i primi ad adorare la serie..la mia bellissima terra usata come set per queste oscenità…non ho parole…sono proprio disgustata!

  3. tuttotv_info tuttotv_info
    5 ottobre 2012    

    intanto è una fiction e non un documentario, non deve per forza essere realistica. inoltre è ambientata negli anni 60 e purtroppo non erano ancora arrivati eroi antimafia come falcone borsellino o don puglisi etc…

Rispondi

NEWS

ANTICIPAZIONI E TRAME

email: info@tuttotv.info

SOCIAL

TuttoTv.info Canale 5 Fanpage Una Vita Bitter Sweet

BLOG SEGNALATO DA:

Categorie

ARCHIVIO

ottobre: 2012
L M M G V S D
« set   nov »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Favicon Plugin made by Cheap Web Hosting