TuttoTv.info | tutte le info sulla tv

Nero a metà, anticipazioni e trama, prima puntata, lunedì 19 novembre 2018

nero-a-meta

Nero a metà. Roma, commissariato Rione Monti. Due poliziotti che più diversi di così non potevano essere, si ritrovano a dover lavorare insieme, uno a fianco all’altro. Sono il sarcastico e stimato Carlo Guerrieri e il giovane e ambizioso Malik Soprani. Uno romano fino al midollo per nascita e l’altro per adozione. Due mondi agli antipodi che saranno chiamati ad essere più uniti che mai nella ricerca della verità e della giustizia in un crime-poliziesco in cui le indagini si intrecciano con il vissuto dei protagonisti e con le scelte morali che di volta in volta questi sono chiamati a fare, sia nel lavoro che nella vita privata. 


Nero a metà è una produzione Rai Fiction – Cattleya, in collaborazione con Netflix, prodotta da Riccardo Tozzi, Giovanni Stabilini e Marco Chimenz, che segna il grande ritorno di Claudio Amendola sulla rete ammiraglia Rai. Una serie diretta da Marco Pontecorvo, in sei prime serate, in onda da lunedì 19 novembre, con Miguel Gobbo Diaz, Fortunato Cerlino, Rosa Diletta Rossi, Alessandro Sperduti, Margherita Vicario e la partecipazione di Angela Finocchiaro.

Sei puntate (12 episodi) in prima serata su Rai1 da lunedì 19 novembre 2018.

Introduzione

Claudio Amendola torna su Rai1 con la sua carica di umanità e di umorismo – talvolta cinico, talvolta affettuoso – che ne ha fatto da sempre un simbolo della sua città. In tv porta la storia di Carlo Guerrieri, un personaggio che unisce la grinta stropicciata e dolente dei detective d’altri tempi con le contraddizioni comiche e drammatiche degli italiani di oggi.

Nero a metà, coproduzione Rai Fiction – Cattleya in collaborazione con Netflix, è un poliziesco metropolitano che si inserisce nel solco del genere crime-poliziesco per reinterpretarlo in chiave tutta italiana, portando sullo schermo il ritmo e la vitalità della Roma di oggi in tutta la sua ricchezza e diversità.

Una serie moderna anche nel formato, che propone 12 gialli da 50 minuti, in cui il meccanismo a orologeria, tipico del genere, fa emergere la complessità delle scelte morali e si intreccia con le complicate vicende personali dei nostri protagonisti.


Al centro della storia due poliziotti che più diversi non si può: Carlo Guerrieri (Claudio Amendola) e Malik Soprani (Miguel Gobbo Diaz). Li dividono il carattere, gli studi, la provenienza e un altro, trascurabile, particolare… il colore della pelle. Carlo all’Esquilino ci è nato e ci vive da sempre. Anche se adesso a dire il vero -fra tutti quei volti esotici che affollano i dintorni di Piazza Vittorio – ormai si sente straniero a casa sua. Malik invece è nero, ma italiano di adozione: è cresciuto in una famiglia italiana, ha studiato qui, Roma è casa sua adesso. Le differenze fra i due però non finiscono qui: Carlo è un po’ ciancicato e viene dalla strada, è un bravo poliziotto ma a causa del suo carattere testardo e ribelle non ha fatto la carriera che meritava. Malik di anni ne ha sì e no 30 ed è fresco di accademia (anzi: era proprio il primo del suo corso), perfettino, modaiolo, gli piacciono i gingilli elettronici che al contrario Carlo detesta. È chiaro che due così non possono andare d’accordo, ma il caso (e il dirigente del commissariato) vuole che siano costretti a lavorare insieme. Caso dopo caso il loro modo di indagare si completa e si integra: diventano una fantastica coppia ‘operativa’, spalleggiata da una squadra affiatata e da un giovane medico legale: Alba (Rosa Diletta Rossi), la figlia che Carlo ha cresciuto da solo, senza una moglie, scomparsa misteriosamente un giorno di tanti anni fa. Una giovane donna che sta prendendo la propria strada, sia professionale che personale. Alba sta andando a convivere con il fidanzato Riccardo (Giulio Cristini): un momento delicato per padre e figlia, che rischia di essere messo ulteriormente in crisi dalla possibile attrazione fra lei e quello sciupafemmine di Malik. Non che Carlo non abbia i suoi problemi sentimentali, ci mancherebbe: da anni ha una relazione con Cristina (Alessia Barela), la sposatissima proprietaria dell’edicola sotto casa sua, ma quando si tratta di sua figlia Carlo non guarda in faccia nessuno. Per proteggerla, farebbe di tutto. Tra gli altri personaggi del commissariato Rione Monti troviamo Mario Muzo (Fortunato Cerlino), migliore amico di Carlo e sovrintendente capo, la poliziotta incinta Cinzia Repola (Margherita Vicario), l’impacciato agente Marco Cantabella (Alessandro Sperduti) e il dirigente Elia Santagata (Roberto Citran), alle soglie del pensionamento. Arricchisce poi il cast Angela Finocchiaro negli insoliti panni della professoressa Giovanna Di Castro, genio della medicina legale nonché mentore di Alba, e Antonia Liskova, la nuova dirigente del Commissariato. Un ingresso in scena, il suo, che potrebbe cambiare le carte in tavola per tutta la squadra. Nel passato di Carlo, infatti, si nascondono molti segreti, e uno di essi riemerge e rischia di sconvolgere per sempre la vita sua e di Alba.

Diretta da Marco Pontecorvo (Pa-ra-da, Le mille una notte, L’oro di Scampia, Ragion di Stato, Lampedusa) Nero a metà è una serie TV ricca di azione e colpi di scena ma anche di sentimento. Girata in location tra il multietnico quartiere Esquilino, i club eleganti sulle rive del Tevere, il centro storico percorso dai turisti e i quartieri periferici divisi tra i romani veraci e i nuovi immigrati, la produzione ha visto la partecipazione di grandi professionisti del cinema come il direttore della fotografia Vincenzo Carpineta (Nome di donna), il truccatore Maurizio Nardi (Educazione Siberiana), la costumista Daniela Ciancio (La grande bellezza) e lo scenografo Massimiliano Nocente (Saturno contro) che ha ricreato il commissariato in un set di quasi mille metri quadri a Piazza Vittorio.


Nero a metà | Anticipazioni e Trama | Prima Puntata | Lunedì 19 novembre 2018

EPISODIO 1 – EPISODIO 2: Carlo Guerrieri (Claudio Amendola) è un Ispettore di Polizia ormai stanco, uno a cui la vita non ha fatto sconti. Il Commissariato è diventato la sua casa, la squadra la sua famiglia: Muzo (Fortunato Cerlino) e gli altri lo temono e lo rispettano come un padre e lui ricambia con un sarcasmo puntuale ma affettuoso. Sotto la scorza da duro Carlo ha un cuore docile che batte soprattutto per la figlia Alba (Rosa Diletta Rossi), cresciuta sola con lui e con cui ha un rapporto strettissimo. E proprio Alba sta per dargli un dolore: ha deciso infatti di andare a convivere con il fidanzato Riccardo. Una distanza fisica di soli cinque minuti che però Carlo vive come oceanica. Per fortuna sua figlia è anche medico legale ed è chiamata a collaborare con la Polizia sul caso di un uomo trovato morto in un furgone frigorifero. Guerrieri ne è felice e orgoglioso. Ma il caso non è semplice e, a complicare ulteriormente le cose, nel corso delle indagini fa il suo ingresso in Commissariato un giovane poliziotto di colore fresco di accademia: il vice ispettore Malik Soprani (Miguel Gobbo Diaz). Tra lui e Carlo è incompatibilità a prima vista. Pur tollerandosi a stento, Carlo e Malik devono continuare a lavorare insieme e le indagini li portano in contatto con una comunità di immigrati clandestini: una realtà complessa e non esente da pericoli. Difficoltà di cui Malik, però, testardo e puntiglioso come sempre, sembra non voler tenere conto. Nel frattempo l’attrazione che il giovane poliziotto ha manifestato fin da subito nei confronti di Alba si fa sempre più palpabile e non tarda ad arrivare agli occhi e alle orecchie di Carlo, la cui gelosia per la figlia è nota a tutti. Ma c’è qualcos’altro a turbare il Commissario Guerrieri: un segreto del suo passato che minaccia di riaffiorare con la forza di un tempesta…

ANTICIPAZIONI DELLA PROSSIMA PUNTATA >>

NEWS

email: info@tuttotv.info

SOCIAL

TuttoTv.info Canale 5 Fanpage Una Vita Bitter Sweet

BLOG SEGNALATO DA:

Categorie

ARCHIVIO

novembre: 2018
L M M G V S D
« ott   dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Favicon Plugin made by Cheap Web Hosting