TuttoTv.info | tutte le info sulla tv

C’era una volta Studio Uno, la parola alla critica

era-volta-studio1-guida

Per fortuna questa ennesima fiction nostalgica di Rai1 è stata rapida e indolore. C’era una volta Studio Uno, è stata solo un’approssimativa ricostruzione di una cornice pseudo-storica per far da sfondo alla solite storielle amorose da fotoromanzo per educande del secolo scorso. Eppure la miniserie è piaciuta molto al pubblico… 


Ognuna delle due puntate ha superato i 6,7 mln di spettatori col 25.68% di share la prima e col 27.26% la seconda. Un ottimo risultato, migliore delle aspettative: Rai Pubblicità aveva stimato un ascolto pari a 6 mln di spettatori col 23% di share. La critica ha però messo in luce tutte le carenze di questa produzione.

Scrive Aldo Grasso sul Corriere della Sera:

Per parlare di «C’era una volta Studio Uno» bisogna dimenticare «Studio Uno», quello vero […] altrimenti il confronto diventa impietoso e tutto si riduce a una rievocazione macchiettistica. […] Lo show è solo un pretesto, una sorta di cornice dove ambientare languide storielle d’amore.

Riccardo Bocca de l’Espresso è perentorio:

il core business di “C’era una volta Studio Uno” è l’elaborazione di codici formali stereotipati. I passaggi di quella video-avventura, insomma, soffrono una forma fotoromanzica che ne depotenzia il senso e il valore. Tale è l’ingombro del manierismo, in questa fiction girata da Riccardo Donna, da viziare sia il ricordo della trasmissione sia l’intreccio delle protagoniste in scena. Ogni parola e gesto […] non valorizza i temi evocati (come il perbenismo famigliare presessantottino, la violenza ordinaria sulle donne, il difficile rapporto tra una ragazza abbandonata a se stessa e una madre dannata) ma scivola nella plastificazione del reale.

Il giudizio di Laura Rio de Il Giornale è caustico:

In effetti Studio Uno ci porta proprio indietro nelle atmosfere anni ’60. Non perché ci racconta l’epopea di uno dei programmi che hanno fatto la storia della televisione italiana, ma perché la fiction è stata realizzata come sessant’anni fa. La solita struttura della soap, con una trama prevedibile, recitazione approssimativa, scenografia poveretta. Perché devono ricostruire la nascita di Studio Uno attraverso le stereotipate vicende amorose e i sogni di tre giovani donne in cerca di un posto al sole? […] tutta la serie pare fatta con il minimo sforzo. Tanto poi gli spettatori, in mancanza d’altro, se la sorbiscono lo stesso.

 

NEWS

email: info@tuttotv.info

SOCIAL

TuttoTv.info Canale 5 Fanpage Una Vita Bitter Sweet

BLOG SEGNALATO DA:

Categorie

ARCHIVIO

febbraio: 2017
L M M G V S D
« gen   mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728  

Favicon Plugin made by Cheap Web Hosting