TuttoTv.info | tutte le info sulla tv

Paolo Borsellino – I 57 giorni, stasera su Rai 1

A 20 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio che sconvolsero l’Italia, Rai1 presenta, stasera in prima serata, un film di Alberto Negrin con Luca Zingaretti nel ruolo di Paolo Borsellino


Gli ultimi giorni del magistrato della Procura di Palermo, dall’attentato a Giovanni Falcone a quello di cui fu lui stesso vittima. Un commovente racconto di come Borsellino ha affrontato, nei rapporti con la moglie e con i figli, un viaggio verso la morte per un assoluto senso di responsabilità rispetto al suo compito (23 maggio 1992, la strage di Capaci – 19 luglio 1992, l’attentato di via d’Amelio).

Uno straordinario Luca Zingaretti dà volto e corpo al giudice palermitano in quei 57 giorni che lo separano dall’uccisione di Falcone, giorni in cui intuisce la sua fine e fa i conti con la propria vita. 57 giorni in cui Borsellino è impegnato in un lavoro massacrante, quasi una corsa contro il tempo, ma in cui cerca ugualmente di vivere fino in fondo tutti gli affetti familiari, dalla moglie Agnese ai tre figli, Fiammetta, Lucia e Manfredi. Poi, nel pomeriggio di una domenica di luglio, l’esplosione di via d’Amelio.

Per interpretare Borsellino, Zingaretti si è sottoposto a lunghe e impegnative  sedute di trucco in modo da assumere le sembianze di un uomo deluso e affranto per i tanti tradimenti, per la morte dell’amico e di molti suoi colleghi. Nel cast, Lorenza Indovina (Agnese Borsellino), Enrico Ianniello (Antonio Ingroia), Davide Giordano (Manfredi Borsellino), Rori Quattrocchi (la madre di Borsellino) e Andrea Tidona (Giammanco). Le musiche di Ennio Morricone sottolineano le immagini drammatiche ma anche più intime e autentiche del film, coprodotto da Rai Fiction e Compagnia Leone Cinematografica.

LA STORIA

23 maggio 1992. Paolo Borsellino (Luca Zingaretti) è dal barbiere. È un giorno speciale. Aspetta il suo amico Giovanni Falcone, che torna a Palermo da Roma per qualche giorno. Si vedranno a pranzo, Borsellino ha seminato la scorta per andare al mercato del pesce e comprare qualcosa di speciale, ha cucinato lui stesso. Bisogna festeggiare la candidatura di Giovanni alla Superprocura, la nomina è data per certa.


Ma arriva una telefonata sul cellulare del giudice. Una notizia terribile: un attentato sull’autostrada Punta Raisi-Palermo. Vi è coinvolto Falcone. Borsellino corre all’ospedale. L’amico gli muore tra le braccia.

Dal giorno dopo Borsellino combatte contro il tempo. Ha bisogno di capire, di comprendere che cosa c’è dietro alla morte dell’amico, che è più che un fratello per lui. Nel profondo di sé, Borsellino intuisce che lui e Falcone sono legati da un destino comune. Entrambi si sono battuti contro la mafia e hanno vinto una battaglia decisiva, istruendo il maxiprocesso. Entrambi sono divenuti il simbolo dell’Italia onesta che finalmente ha alzato la testa contro lo strapotere di Cosa Nostra. Ma ora Borsellino è rimasto solo.

La sua è una attività frenetica e sottile, per arrivare alle verità, prima che il destino che ha travolto Falcone afferri anche lui. Tante cose sono cambiate in Italia, tutto sta muovendo verso un futuro mai così incerto. Al nord è scoppiata tangentopoli che minaccia di travolgere un’intera classe politica. Al sud la Cassazione ha confermato gli ergastoli del maxiprocesso per la Cupola mafiosa. Cosa Nostra è come una belva ferita. Borsellino intuisce che è alla ricerca rabbiosa di nuove strategie: l’assassinio di Falcone è l’inizio di una offensiva terroristica, una dichiarazione di guerra allo Stato. Ma in nome di che cosa?

E il giudice sa che il suo nome è ora la nemesi, nei fatti e nella coscienza del Paese, degli interessi della Mafia. Un nemico da abbattere, perché tutto torni come prima.

Questa è la storia dei cinquantasette giorni che separano la morte di Falcone da quella di Borsellino. Giorni in cui il giudice intuisce il suo destino e fa i conti con la propria vita, con gli affetti. Traccia il bilancio di un’esistenza, del suo impegno, come magistrato e come uomo, delle vittorie e delle sconfitte. Giorni di tenerezza e d’amore con la moglie, con i figli, con i colleghi, gli amici. Giorni di lotta con i nemici palesi e occulti che, lui lo sa, hanno già tracciato il suo destino. Ma anche giorni di speranza. Di intuizioni sui nuovi scenari che si profilano, in quell’anno in cui tutto cambia. Giorni di lotta, di scoperte, di nuove idee, che sopravvivranno a Borsellino e che chi verrà dopo, raccoglierà. Affinché le stragi di Capaci e di via D’Amelio, che, nell’idea di chi le ha organizzate, dovevano essere il trionfo della strategia stragista di Cosa Nostra, segnino l’inizio della sua fine.

(fonte UfficioStampa.Rai.it)

Rispondi

NEWS

ANTICIPAZIONI E TRAME

email: info@tuttotv.info

SOCIAL

TuttoTv.info Canale 5 Fanpage Una Vita Bitter Sweet

BLOG SEGNALATO DA:

Categorie

ARCHIVIO

maggio: 2012
L M M G V S D
« apr   giu »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Favicon Plugin made by Cheap Web Hosting